Skip to content Skip to footer

A chi affidarsi per una ristrutturazione?

I 3 consigli per iniziare al meglio.

Cerchiamo di dare una risposta a questa domanda da un milione di dollari!

Anzitutto dobbiamo specificare che non tutte le ristrutturazioni sono uguali: c’è chi ha necessità da dare solo un restyling alla propria casa, c’è chi vuole acquistare una casa e deve ristrutturarla (circa il 60% dei nostri clienti) facendo una ristrutturazione completa, c’è infine chi deve fare una ristrutturazione “pesante”, anche con interventi strutturali (rifacimento del tetto, rinforzo delle strutture ecc…).

Ogni tipologia di intervento porta con sé diverse figure che si dividono in due grandi gruppi: 

Professionisti

Architetto per il progetto, ingegnere per le strutture, il geometra per le pratiche del catasto, chi si occupa della sicurezza (clicca qui per scoprire il nostro articolo sulle figure professionali per il mondo delle ristrutturazioni).

Imprese

Ebbene sì, chi realizza l’opera, non ha nulla a che vedere con chi la progetta. sono due figure differenti. le imprese possono essere più o meno strutturate, possono avere un loro staff tecnico che gestisce gli operai, una segretaria, un ufficio amministrativo che emette le fatture ecc…

Spesso (a noi piacciono particolarmente…) ci sono piccole realtà più “artigianali”, dove l’impresa è costituita da soltanto uno o due operatori. In questi casi è l’artigiano stesso che si occupa di tutto, solitamente con una buona capacità manuale ed un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Da quale professionista partire? a quale impresa affidarsi?

Eccoci giunti ai tre consigli, sulla base di questi avrai la risposta:

1. Tipologia di intervento: se il tuo intervento è un restyling il nostro consiglio è di affidarti ad un interior designer –>inutile affidarsi a grande studi di architettura, all’amico geometra o all’ingegnere, affidati ad un interior. Talvolta se devi acquistare qualche elemento di arredo, anche i negozi di arredamento hanno al loro interno personale molto qualificato (affidati a negozi storici e con qualità) che possono darti ottimi consigli e “dritte” su come fare il tuo restyling. Se hai una ristrutturazione più importante (rifacimento completo di un appartamento appena acquistato, oppure ristrutturare la villetta della nonna) conviene affidarsi ad uno studio di architettura: penseranno loro a procedere con i rilievi ed a presentarti più soluzioni progettuali che possono essere confacenti con le tue esigenze estetiche e necessità pratiche relative agli spazi. Gli studi tendenzialmente hanno al loro interno (come il nostro!)  diverse figure: dall’architetto per estetica, spazi e design, il tecnico pre redigere un computo metrico (necessario per raccogliere poi i preventivi), un termotecnico (per isolamenti e risparmio energetico) strutturista ecc….; in questo caso riuscirai ad avere un unico referente per il tuo progetto, ed avere certezza che fili tutti liscio e che le tue scelte e necessità vengano effettivamente accolte, risolte ed impostate, senza rimbalzi di responsabilità, aumento di costi e slittamento dei tempi.

2. Budget di spesa: Sfatiamo un mito: se allo studio di architettura fai outing dicendo che il tuo budget è di 100.000,00 € non ti faranno un progetto da 100.000,00 € !!! Chi fa il progetto ha il compito di farti investire correttamente senza buttare denaro per cose inutili, per scelte non durature e con materiali non di qualità. Quindi: fai outing con il  budget! vedrai che sarà tutto più veloce ed i consigli per farti investire al meglio il tuo denaro saranno più mirati ed efficaci.

3. Tempo! Per le ristrutturazioni il tempo inizia dal progetto!  Non focalizzarti solo su quanto tempo serve per fare i lavori! Inizia a pensare che per fare un progetto di ristrutturazioni di una appartamento di 100 mq (quindi senza opere esterne), compreso il capitolato delle finiture ed il computo metrico per i preventivi servono circa 2/3 MESI! Poi ci sono i lavori (mediamente per ristrutturazione completa di 100 mq di appartamento servono dai 3 ai 4 mesi) oltre al gran finale: pulizie e trasloco per i quali sere un altro mese.

In base alla tipologia della tua ristrutturazione affidati ad uno studio di architettura che possa avere la struttura e competenza per affrontarlo, in tutte le sfacettature:  una volta un professionista faceva tutto… adesso è praticamente impossibile: con la specializzazione di tutti gli aspetti, un unico professionista non può fare e svolgere tutte le attività che circoscrivono una ristrutturazione (basti pensare che all’interno del nostro studio abbiamo una figura che si occupa degli aspetti fiscali e sgravi fiscali!). Lo studio di architettura che seguirà i lavori è l’investimento migliore che possiate fare: i buoni risultati possono dipendere soprattutto da questo: buone scelte, buone idee, giuste considerazioni si fanno prima di iniziare i lavori: l’impresa è una mera realizzazione di quanto progettato.
 
Infine eccoci proprio all’impresa. Due tipologie diverse per far fare i lavori:
 
A. General contractor ovvero un unica società che gestisce tutti i vari artigiani che devono realizzare i lavori (muratore, idraulico, eletticista, serramentista, pavimentista, pittore ecc…);
 
B. Appalto ai diversi artigiani/imprese: Questa scelta consente di avere un risparmio immediato sul preventivo, ma il contro è che la gestione si fa difficoltosa, la responsabilità dei tempi e dei lavori è più difficile da attribuire ed eventuali ritardi a cascata non sono recuperabili in termini di fine lavori.
Quindi per l’aspetto di cui sopra la scelta è determinata dal tempo che potete dedicare: se avete una buona dose di tempo per fare chiamate e seguire tutti i fornitori potrebbe essere una buona scelta (affidando magari anche parte di questo incarico allo studio, se ha all’interno dei tecnici di cantiere in grado di gestire un cantiere). Per chi ha poco tempo ed ha necessità di semplificare la propria ristrutturazione (e la propria vita…) consigliamo la soluzione General Contractor.
 
Speriamo che questo articolo e queste informazioni vi possano essere state utili!
A chi rivolgersi per una ristrutturazione?